Mamma, famiglia, società

La paura delle mamme

Quando una donna diventa mamma, la paura la assale. È una paura irrazionale, che niente può fermare, che non sottostà ad alcuna regola. Non è una paura lineare come quelle provate fino a prima della gravidanza. Non va da un punto A ad un punto B in modo netto, deciso, con estrema precisione infatti, ma si irradia da ogni poro del corpo, e se ne va in ogni possibile direzione.

È la paura di sbagliare, di non riuscire ad essere una brava mamma, di prendere per il proprio figlio decisioni del tutto errate. È la paura degli incidenti e delle malattie. È il timore che quella spensieratezza e tutta quella immensa felicità possano essere distrutte in un solo istante. Che il proprio bambino possa restare da solo ad affrontare il mondo senza l’amore della sua famiglia.

Le mamme che dicono di non provare questo tipo di paura, mentono. Ne sono sicura. Perché non è possibile non tremare al solo pensiero che qualcosa di brutto possa accadere quando nella propria vita c’è un bambino piccolo. Sono mamme che hanno ancora più paura delle altre, perché vivono costantemente con il timore che mariti, genitori e amici le deridano, che si prendano gioco di questa loro irrazionale paura.

Care donne, non state ad ascoltare nessuno, vivere in bilico tra la gioia e l’ansia è più che naturale quando si diventa mamme. Dobbiamo farci i conti ogni giorno ed abituarci a questa sensazione. Ma ricordate che basta guardare negli occhi il proprio bambino, stringerlo forte durante la notte, accoccolarci tra le sue braccia, per dimenticare almeno per qualche istante quella paura e tornare a sentirci tranquille, rilassate.

3 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *