Libri

Last Goodbye – Un tributo a Jeff Buckley di Micol Beltramini e Gea Ferraris

Quando ho scoperto l’esistenza di una graphic novel su Jeff Buckley, il mio cuore ha iniziato a sussultare. Così mi sono fiondata in libreria! Mi piace passeggiare tra gli scaffali, annusare l’inconfondibile odore della carta, perdermi per un po’ in storie, racconti, vite parallele, e magari anche fare due chiacchiere con i librai, sempre così disponibili. Ma quella graphic novel non l’ho potuta acquistare, finita in tutte le librerie del centro città. Non disponibile persino presso i loro distributori. È incredibile che un libro così di nicchia sia andato a ruba, ho pensato. Per fortuna esiste il Dio Amazon, che mi ha consegnato Last Goodbye – un tributo a Jeff Buckley di Micol Beltramini e Gea Ferraris (Edizioni BD) a casa in meno di 24 ore!

Quando ho aperto la scatola di Amazon, non potevo credere a ciò che avevo tra le mani, il volto di Jeff, così bello e carico di fascino e una storia che da lì a pochi minuti mi avrebbe assorbito del tutto. Ho iniziato e non mi sarei voluta fermare. Narrazione, illustrazioni rigorosamente in bianco e nero, atmosfere, hanno creato per me l’illusione di non trovarmi con il naso tra le pagine di in un libro, ma in un mondo parallelo dove le note di Last Goodbye risuonano all’infinito.

Questa è una graphic novel che solo coloro che amano Jeff Buckely possono davvero apprezzare, impossibile negarlo, che ho amato per la sua capacità di andare oltre alle apparenze e a tutto ciò che di Jeff e della sua morte si è sempre sentito dire. È una narrazione delicata ma profonda, che consente di lasciar cadere ogni filtro, pregiudizio, opinione personale, per capire veramente che cosa passasse nella mente di quell’artista, per capire veramente la sua vita, le persone che lo hanno accompagnato, la sua anima così turbolenta e inafferrabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *